EMBRACO: COMUNICATO STAMPA UILM E FIOM

Uilm e Fiom: “Bene fondo antidelocalizzazioni,avanti con la reindustrializzazione”

Commentano Dario Basso, segretario della Uilm di Torino, e Vito Benevento, responsabile Embraco per la Uilm: “È positivo che il ministro Calenda abbia dato il via al fondo antidelocalizzazioni ed è evidente che la vicenda Embraco abbia fatto da volano per accelerare la gestione di questi processi, ponendo il problema all’attenzione di tutti. Ora manca solo un ingrediente: chiudere questo capitolo il 15 maggio al Mise e avviare il percorso di reindustrializzazione che, per quanto ci riguarda, dovrà ricollocare tutti gli oltre 400 lavoratori di Riva di Chieri”.

Dichiarano Lino La Mendola della segreteria torinese Fiom e Ugo Bolognesi, responsabile Embraco per la Fiom: “Da tempo immemorabile come organizzazione sindacale sosteniamo la mancanza di politiche industriali e di investimenti, pubblici e privati, per invertire la tendenza economica negativa del nostro Paese. Il fondo è un “embrione ” che può servire a contrastare con iniziative pubbliche il fenomeno selvaggio delle delocalizzazioni. Se si è arrivati al decreto è grazie alle mobilitazioni dei lavoratori Embraco e alle iniziative del sindacato che sono arrivate fino a Bruxelles al Parlamento Europeo”.